Gear

La strumentazione che uso dal vivo e in studio e’ in costante evoluzione , rispecchiando le diverse esigenze imposte dall’attività musicale.

 

  • Yamaha CP4: Stage Piano di alta gamma, con meccanica in legno, ottimo per contesti in cui il pianoforte è uno degli strumenti principali.

 

  • Casio Px5s: Stage Piano compatto e leggero. E’ il mio strumento principale che uso per suoni di pianoforti acustici ed elettromeccanici, e qualche timbro sintetico di contorno, soprattutto pads da abbinare ai pianoforti.
 
  • Access Virus KC: sintetizzatore Virtual Analog della famosa famiglia Access Virus, un suono versatile e potente unito ad una interfaccia lineare, che garantisce ottime doti di performance anche dal vivo. Lo uso per una varietà di timbri sintetici: leads, pads, synth-brass, effetti, synth-bass, oltre che per pilotare alcuni timbri degli altri strumenti.
 
  • Moog Little Phatty Stage II: sintetizzatore analogico degno erede di una azienda che ha fatto la storia del synth, suono prepotente ed organico, leads e bassi sono la sua specialità.

 

  • Crumar Mojo: organo doppio manuale realizzato sul motore sonoro di VB3, creato da Guido Scognamiglio. Eccellente suono, grande interfaccia, massima portatilità.
 
  • Roland FA06: workstation a 61 tasti che racchiude in sè il meglio della produzione timbrica Roland degli ultimi decenni. Un vero coltellino svizzero.
 
  • Apple Logic Pro X: il sequencer audio/midi che uso per le mie produzioni. Grande libreria di plug-in ed effetti e software dalle ottime potenzialità.
 
  • Apple Mainstage 3: una vera “workstation” software. Un software così versatile che può fungere da centrale di controllo per interi setup anche complessi. Interfaccia grafica completamente personalizzabile, è principalmente un host per strumenti virtuali che però si può interfacciare via MIDI con altri strumenti, gestire i percorsi midi, comandare i cambi di suono e molto altro.